Valutazione della ricerca nelle scienze statistiche

Il Consiglio Direttivo della Società Italiana di Statistica, dopo aver ampiamente lavorato negli ultimi anni con diverse Commissioni ed attività, sta continuando sulla strada intrapresa per la valutazione della ricerca sui seguenti temi: 

  • il modello operativo di valutazione della ricerca;
  • la classificazione delle riviste dei settori SECS-S/01 – SECS/S05 conseguente all’ indagine promossa dalla Società;
  • definizione di un codice etico di comportamento nelle valutazioni comparative che dovrebbe recepire ed armonizzare i due temi prima citati.


Attività svolte:

  Commissione “Riforma dei meccanismi di reclutamento della docenza”.
La Commissione ha predisposto i criteri quantitativi minimi relativi all’attività scientifica di candidati ai diversi livelli concorsuali (ricercatore, professore associato, professore ordinario) con la peculiarità delle diverse aree scientifiche. Tali criteri erano stati richiesti dal CUN e dal MIUR e sono stati  recepiti dal CUN per i settori da SECS-S01 a SECS-S05.

    Requisiti minimi per l’accesso alle valutazioni comparative
    (approvato dal CD del 9 giugno 2009)
 
 
    Integrazione dei Requisiti minimi per l’accesso alle valutazioni
     comparative

    (approvato dal CD del 18 aprile 2011)


Il consigliere Maurizio Carpita e la socia Silvia Salini, su incarico del Consiglio Direttivo della SIS, hanno realizzato un documento sulla Valutazione dei requisiti minimi dei ricercatori degli ultimi concorsi nei settori SECS-S/01-05.

 Requisiti Minimi 
 

  Commissione “Riforma dei criteri condivisi per la valutazione della ricerca
La Commissione, costituitasi  con lo scopo di avviare la riflessione sull’individuazione di criteri condivisi per la valutazione della ricerca nell’ambito dell’area CUN 13, ha predisposto un modello di valutazione delle attività scientifiche di un ricercatore nell’area statistica ed ha realizzato un questionario per identificare quali siano le attività della ricerca scientifica da valutare e il peso che esse debbano avere.
Il questionario è stato compilato da un campione di Soci SIS ed i risultati sono stati presentati alla Giornata di Studio sulla valutazione della ricerca nelle Scienze Statistiche, il 25 Marzo 2010, a Bologna.
Il modello si basa su un indice composito per allocare le risorse finanziarie e di incentivazione a favore di coloro che svolgono una intensa attività di ricerca. Potrà essere utile: ai dipartimenti per la ripartizione dei fondi di ricerca, ai ricercatori afferenti, agli atenei nella ripartizione dei fondi alle facoltà.

    Relazione Commissione Valutazione
    Appendice-A Commissione Valutazione 


  Indagine Statistica “Percezione delle Riviste di maggior prestigio nelle Scienze Statistiche
L’indagine SIS è stata realizzata sui  cinque settori disciplinari di statistica (SECS-S01-S05). Hanno risposto al questionario 319 Soci ordinari che rappresentano quasi il 50% dei Soci  ordinari SIS appartenenti ai cinque settori (questi sono pari a 643, come si desume dalla relazione del Presidente SIS 2009). Il 58% dei rispondenti ha pubblicato almeno un articolo negli anni dal 2005 al 2008, con punte del 72% per il settore più ampio (SECS-S01-S02). Si osservi che questa percentuale è sostanzialmente maggiore di quella rilevata su un campione casuale di 100 soci ordinari, nella quale è risultata pari al 34%.Per ciascun settore scientifico disciplinare è stata riportata la graduatoria delle prime 5 riviste e successivamente due classi formate: la prima, dal 30% delle riviste percepite dai rispondenti come di maggior prestigio secondo l’indice Borda di Saari (The mathematics of voting: Democratic symmetry. The Economist, pp. 83, March 4, 2000); la seconda classe formata dal rimanente 70% delle riviste. Le due classi risultano molto robuste in termini di tasso di non corretta classificazione.Tale suddivisione in gruppi costituisce esclusivamente una sintesi delle convinzioni dei numerosi Soci che si sono espressi nell'indagine.

    Indagine SIS sulla percezione delle riviste di maggior prestigio


  Giornata di studio "La valutazione della ricerca in statistica: esperienze, prospettive e confronti con altre discipline" - Roma, 21 gennaio 2008


Gli interventi dei relatori e due dei contributi alla tavola rotonda sono stati pubblicati nel numero monografico di Statistica & Società (2008, anno VI, numero speciale
).


  Giornata di studio La valutazione della ricerca nelle scienze statistiche - Bologna, 25 marzo 2010

Fabio Crescenzi - Indagine sulle preferenze in materia di editoria scientifica

Lo scopo dell’ Indagine sulle preferenze in materia di editoria scientifica era quello di sensibilizzare i soci su quali siano le destinazioni più frequenti del loro output scientifico e di come esse vengano percepite dalla comunità scientifica.La presentazione ha sintetizzato i risultati dell’indagine, che saranno disponibili in modo completo sul sito della società. La relazione ha segnalato le difficoltà metodologiche connesse alla raccolta e analisi di dati sulla percezione delle riviste. Le graduatorie risultanti mostrano una rilevante variabilità tra i settori disciplinari considerati.

Giovanna Nicolini - Maurizio Carpita - Indagine SIS sulla valutazione delle attività scientifiche di un ricercatore nell'area statistica
La relazione relativa all’ Analisi dei criteri per la valutazione della ricerca individuale in ambito statistico si è posta l’obiettivo di proporre dei criteri oggettivi per la valutazione ex-post dell’attività di ricerca dei singoli ricercatori. Le dimensione dell’attività di ricerca proposte per la valutazione hanno riguardato non solo la capacità di fare ricerca e la sua qualità, ma anche le attività connesse, quali l’Editor di una rivista o il Presidente di un Comitato Programma di un convegno scientifico. I risultati dell’indagine hanno fornito utili indicazioni per come ponderare le diverse dimensioni della ricerca in un unico indicatore.

Thed Van Leeuwen - Advantages and drawbacks of bibliometrics
La relazione di Thed van Leewen, del Centre for Science and Technology Studies della Leiden University, su Advantages and drawbacks of bibliometrics ha arricchito il convegno del dibattito presente in ambito internazionale sull’uso degli indicatori bibliometrici. Sebbene l’utilizzo di tali indicatori è per molti versi imprescindibile, il relatore ha posto l’attenzione sui limiti di un loro utilizzo acritico.

(torna inizio pagina)

Società Italiana di Statistica
Salita de' Crescenzi 26 - 00186 Roma - Tel +39-06-6869845 - Fax +39-06-68806742 - email: sis@caspur.it